Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Lunedi 22 Luglio 2019, ore 16:58

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Italia , Tipo Articolo:Dichiarazioni Post partita ,
,
a cura di Federico Formica
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 281 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 14 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
gli azzurri festeggiano il gol con un'ammucchiata  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Le reazioni degli azzurri

Germania-Italia 0-2 2006 Mondiale
Le dichiarazioni dei nostri giocatori dopo il trionfo di Dortmund

Id Article:11823 date 5 Luglio 2006

Roma, E' una sfilata di volti distesi e sorridenti l'interno dello stadio di Dortmund, ovviamente parliamo della parte riservata agli italiani. Si comincia con Fabio Grosso che dopo essersi procurato il rigore con l'Australia oggi ha fatto anche di meglio: gol partita in semifinale. Non è roba da poco, anzi, da raccontare a figli e nipoti, quando si renderà conto di cos'ha fatto, perché in questo momento Grosso è ancora travolto dalle emozioni: “Ho poche parole, solo grande felicità, Il gruppo è stato grande, ce lo meritiamo e sono contentissimo. E' stata una semifinale tra due grandi squadre. Ora aspettiamo di sapere chi sarà la nostra avversaria in finale. Speriamo di fare un'impresa come oggi, noi ci crediamo e ci faremo valere”.

Parola a Francesco Totti, che non si smentisce mai: ironico, guascone, spavaldo: “I tedeschi parlavano della pizza italiana? E' il mio piatto preferito. Domani andremo tutti a mangiarla. Abbiamo dimostrato di essere una grande squadra. La Germania non è uno squadrone, volevamo questa finale e l'abbiamo ottenuta. Il gioco l'abbiamo fatto quasi sempre noi. Il gol? Magari a Berlino”. Un Totti, lo scopriamo oggi, anche veggente, anche se per ora soltanto a metà: “Un mese fa dissi finale Italia-Portogallo. Ci credo ancora di più adesso”. E non parlategli di staffette: “Staffetta con Del Piero? La staffetta si fa all'Olimpiade”.

Davvero di buon umore anche Del Piero, Del Piero prova a segnare con un tap-in  
(Premi per la FOTO Ingrandita) e come potrebbe essere altrimenti? Entra in campo e segna il gol che certifica la vittoria netta degli azzurri: “Gara difficilissima, ma la squadra è stata unita, compatta, anche con lo stadio contro. Oggi che ho giocato e segnato sono più felice di ieri. Quel pallone a Gilardino l'ho chiamato da centrocampo. E' stato bravo lui a porgermelo”. Del Piero spiega l'esultanza incontenibile dopo il suo gol: “Nel mio gol c'era tanta rabbia per tantissime cose. La rete ha premiato il mio impegno in tutto questo Mondiale”.


Zambrotta, infine: lui ha giocato un'altra bella partita, stavolta più difensiva rispetto ai quarti di finale. E confessa che: “Già mi stavo mangiando le mani per il palo e la traversa... Meno male che ci hanno pensato Grosso e Del Piero”. Meglio per lui, stanotte dormirà assai più sereno senza dover pensare a quel maledetto legno.
Per la finale, tra Francia o Portogallo, si profila comunque un grande duello sulla fascia. Chi teme di più il nostro Zambrotta tra il francese Malouda e il portoghese Cristiano Ronaldo? “Tra Malouda e Cristiano Ronaldo credo sia più difficile da affrontare Cristiano Ronaldo. È un pò più tecnico”.


Federico Formica