Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Domenica 20 Gennaio 2019, ore 20:10

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Italia , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Totti alza le braccia al cielo: col suo rigore ha appena eliminato l'Australia   
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Totti di rigore, l'Italia approda ai quarti.

Italia-Australia 1-0 2006 Mondiale
Un rigore siglato a tempo scaduto regala agli azzurri una sofferta qualificazione ai quarti di finale.

Id Article:11746 date 26 Giugno 2006

Roma, Che si doveva soffrire lo avevamo messo in programma ma passare ai quarti con un calcio di rigore dubbio assegnato al 93' era veramente complicato da prevedere anche per i pessimisti cosmici.
Tanta, troppa sofferenza per superare un avversario motivato ma decisamente modesto che ha giocato tutto il secondo tempo in superiorità numerica e non è stato in grado di approfittare di questo vantaggio ne di cambiare passo quando gli azzurri erano più vulnerabili.
Nel bene e nel male alla fine comunque la gara è stata segnata da due decisioni, entrambe discutibili, dell'arbitro prese nel secondo tempo, ovvero l'espulsione di Materazzi e il calcio di rigore realizzato da Totti nei minuti di recupero.
Venendo alla formazione degli azzurri, dopo le schermaglie tra Lippi e i giornalisti, alla fine “molto rumore per nulla” dato che l'unica novità di rilievo era Del Piero dal primo minuto e Totti in panchina.
Nell'Australia dentro gli “italiani” Bresciano e Grella mentre Aloisi e Kalac partivano dalla panchina.
Contro una buona squadra ma nulla più, gli azzurri adottavano una tattica troppo attendistica, rendendosi pericolosi solo in contropiede, mentre i nostri avversari raramente riuscivano ad affacciarsi dalle parti di Buffon. Nel primo tempo Toni per due volte e Gilardino sfioravano la rete ma il portiere Schwarzer faceva sempre un ottima guardia; la risposta degli uomini di Hiddink al 30' con l'ottimo Chipperfield che di destro impegnava Buffon.
Bene Perrotta e Gattuso, ottimi Zambrotta e Cannavaro, anonimo Pirlo,male Del Piero (fattosi notare solo per un bel cross nei primi minuti) e Gilardino entrambi evanescenti.
Lippi nella ripresa cercava di dare maggior incisività all'attacco azzurro inserendo Iaquinta ma al 52' l'arbitro segnava la partita degli azzurri espellendo Materazzi per un entrata che doveva fermare Bresciano, che si tuffava finendo a terra, ma che alla fine andava a colpire Zambrotta.
Con l'Italia in 10 Lippi pensava come prima cosa a non prenderle levando Toni ed inserendo Barzagli al centro della difesa.
Gli azzurri soffrivano il maggior dinamismo degli australiani, che comunque si facevano vedere raramente dalle parti di Buffon ad esclusione del solito Chipperfield, e per lunghi tratti risultavano incapace non solo di imbastire il gioco ma addirittura di mantenere la palla tra i piedi.
Ad un quarto d'ora dalla fine Lippi si giocava il jolly: dentro Totti e fuori Del Piero. Ci si aspettava che il capitano giallorsso in un moneto di grande difficoltà facesse quello che spesso è accaduto nella Roma: prendersi la squadra sulle spalle e condurla alla vittoria. Forse rimarrà deluso chi si aspettava un exploit alla Paolo Rossi ma alla fine sull'ultima discesa della partita a tempo scaduto Grosso finiva a terra in area ed era proprioTottia siglaresu calcio di rigore la rete chesignifica quarti di finale. Adesso aspettiamo la vincente tra Svizzera ed Ucraina e speriamo che la rocambolesca vittoria maturata oggi serva per dare maggior convinzione agli azzurri che dopo la bella vittoria contro il Ghana non sono più riusciti a ripetersi.



Antonio Dir. Delle Site