Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Lunedi 22 Luglio 2019, ore 20:49

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Mondo Giallorosso ,
,
a cura di Federico Formica
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 281 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 14 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Daniele Pradè in conferenza stampa
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Comproprietà: la Roma rischia di perdere Bovo

Il Palermo non molla e si andrà alle buste, risolte altre situazioni di comproprietà

Id Article:11665 date 21 Giugno 2006

Roma, Sempre nell'attesa di conoscere in quale coppa europea giocherà (e quindi, di quale budget disporrà), la Roma vola a Milano per risolvere le diverse comproprietà con alcune società. Le più importanti sono quelle di Cesare Bovo (conteso dal Palermo) Gaetano D'Agostino (quest'anno al Messina) e Ivan Pelizzoli (quest'anno alla Reggina). Partiamo dalla situazione più semplice: Roma e Reggina andranno alle buste per Ivan Pelizzoli: chi farà l'offerta più alta se lo terrà. E' presumibile che la Roma faccia un'offerta non competitiva perché non ha intenzione di riprendersi il portiere, mentre la Reggina lo vorrebbe a difendere la sua porta anche la prossima stagione. Trattandosi di offerte segrete comunque nulla è detto.

La vicenda Bovo è ben più difficile. Sia Roma che Palermo vorrebbero assicurarsi le prestazioni del difensore ventiduenne per il 2006/07. Spalletti lo ritiene il primo rincalzo della difesa e quest'anno ha dimostrato di credere molto in questo ragazzo,che proviene dal vivaio di Trigoria. Il rischio di perderlo è alto perché come si sa, Zamparini dispone di un budget di tutto rispetto e potrebbe fare un'offerta molto seria.
La terza comproprietà che si risolverà alle buste è quella del fantasista D'Agostino, classe 1982. Sembrava facile raggiungere l'accordo col Messina, visto che gli isolani lo vorrebbero ancora con loro e che Spalletti non lo vede. Tuttavia Pradè non è riuscito in questa impresa, senz'altro non titanica.

Le situazioni invece già risolte riguardano Matteo Brighi (centrocampista classe 1981), Giuseppe Scurto (difensore classe 1984) ed Emiliano Landolina (centrocampista classe 1986): tutti e tre resteranno un altro anno al Chievo.


Federico Formica