Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Lunedi 22 Luglio 2019, ore 20:16

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Mondo Giallorosso ,
,
a cura di Federico Formica
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 281 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 14 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Primo piano del difensore Philippe Mexes  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Mexes, filo diretto con i tifosi

Sul sito ufficiale, grazie alle domande di tifose e tifosi, è venuta fuori un intervista molto originale

Id Article:11069 date 8 Aprile 2006

Roma, Phillippe Mexes travolto da un uragano di affetto. Sul forum ufficiale della Roma era il turno del difensore francese per il "filo diretto"e sono arrivati tantissimi messaggi. Non casualmente, i messaggi provengono soprattutto dalle ragazze...Di seguito riportiamo alcune risposte fra le più interessanti, ricordando che il testo intero è disponibile all'indirizzo: http://www.asroma.it/NewsDoc.aspx?Categoria=ITArchivioNews&Documento=5632.  
Una tifosa chiede a Mexes quale pensa che sia il suo miglior pregio e cosa avrebbe voluto fare se non fosse diventato calciatore. Sentite la risposta: "Non sono in grado di dire quale sia il mio più grande pregio, credo che spetti agli altri dirlo. Io vorrei essere considerato una persona sincera e un calciatore che in campo dà sempre il massimo. Se non avessi fatto il calciatore avrei fatto il pompiere: ho sempre ammirato i vigili del fuoco e credo proprio che quella sarebbe stata la mia professione se non avessi sfondato nel calcio".
A una domanda su Totti: "Con Francesco c'è un rapporto straordinario. Lui è un campione e un vero amico. Quanto alla fascia da Capitano auguro a Francesco di tenerla il più a lungo possibile, ma quando smetterà credo sia una cosa bella per voi tifosi che continui a portarla un calciatore romano".
Sull'argomento Mondiali Mexes si mostra saggio, e se il ct non dovesse chiamarlo: "Non fa niente. Significa che andrò in vacanza, a riposarmi e a preparare al meglio la prossima stagione con la Roma".
Un tifoso gli propone il nuovo appellativo: "Le Mure", che ricorda tanto Walter Samuel tuttora nei cuori degli appassionati romanisti. Mexes capisce che l'accostamento è importante e risponde: "
'Le Mure' mi piace. Penso che Samuel sia un grandissimo difensore,uno dei primi al mondo. Io devo ancora lavorare e imparare tanto per arrivare a quel livello. Ricordate che nessuno è bravo da solo: Fai una bella figura se accanto a te hai dei compagni bravi, e io in difesa ne ho tanti straordinari".

E poi parole dolci per tutto l'ambiente giallorosso. Molto interessante come Mexes abbia detto di aver sentito la fiducia dei tifosi anche l'anno scorso, quando tutta la squadra era in crisi: "Roma è una città bellissima e vivere qui è molto bello, per me e per la mia famiglia. I tifosi sono come il clima: caldissimi. Devo dire che qui a Roma, anche lo scorso anno, quando le cose non andavano benissimo, ho sempre sentito la fiducia di tanti tifosi. E' bello essere considerato in questo modo. Quando lo Stadio Olimpico è pieno c'è un colpo d'occhio fantastico, da pelle d'oca. Vedere una partita in curva? Magari!".
 
Una tifosa, particolarmente curiosa, chiede a Phillippe cosa fa nella vita quando non si allena, e se il fatto di essere padre lo faccia sentire più grande dei suoi 24 anni: "So che non è facile crederlo, ma viviamo come tutti i ragazzi della nostra età. A me piace giocare alla playstation, andare a passeggio, fare shopping...cose normali. Io personalmente non mi sento più grande della mia età, ma sento tutta la responsabilità di essere padre".
Infine, prima dei saluti, Mexes toglie un'altra curiosità ad un tifoso. L'attaccante che più di tutti teme, quello che non vorrebbe mai incontrare... non lo hai mai affrontato se non in allenamento. Perché è Francesco Totti.

Federico Formica