Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Lunedi 22 Luglio 2019, ore 20:27

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Dichiarazioni Post partita , SkSoggetto Dichiarante:L.Spalletti ,
,
a cura di Federico Formica
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 281 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 14 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Spalletti si è presentato oggi davanti alla stampa romana e nazionale
(Premi per la FOTO Ingrandita)

 Non posso dir nulla ai miei ragazzi, bravi tutti

Roma-Middlesbrough 2-1 2005-2006 Coppa Uefa
Spalletti amareggiato ma filosofo:  Un impegno in meno, meno fatiche

Id Article:10881 date 15 Marzo 2006 Dichirazione di: Luciano Spalletti

Roma, La Roma non riesce a superare la maledizione di coppa UEFA che la vuole eliminata ogni volta agli ottavi o quarti e lascia il passo agli inglesi del Middlesbrough, ma la prestazione di stasera, al di là della beffa, ha rincuorato i romanisti, allarmati dopo l'allucinante Ascoli-Roma. Spalletti a fine gara si rende conto della partita tutt'altro che negativa della sua Roma: "E' stata una buona Roma anche se poi, secondo me, potevamo fare anche qualcosa di più. Certo alla fine mi risulta difficile rimproverare qualcosa ai ragazzi per l'impegno messo. Il gol che abbiamo subito a freddo nel loro unico tiro in porta ci ha inevitabilmente reso tutto più difficile, il morale subisce una brutto botta in quei casi".
Poi Spalletti,da buon timoniere, fin d'ora si impegna a rimettere la Roma in rotta, cercando di allontanarla dalle acque pericolose della delusione: "Ora siamo in corsa solo su due fronti ma la cosa più importante sarà subito rialzare la testa perché partite come quella di stasera, che lasciano amarezza, possono danneggiare il morale di squadra. Perciò dobbiamo subito reagire, concentrarci su campionato e coppa Italia e pensare al lato positivo: abbiamo un impegno in meno e meno gare da giocare". In questo stato di emergenza continua e con un'infermeria sempre affollata, non è un lato da sottovalutare.

Federico Formica