Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Mercoledi 23 Gennaio 2019, ore 00:45

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Taddei in azione con l'ascoli
(Premi per la FOTO Ingrandita)

La Roma sfiora l'impresa ad Ascoli.

Ascoli-Roma 3-2 2005-2006 Serie A
Una buona ripresa dei giallorossi non basta a pareggiare le tre reti segnate nel primo tempo da un Ascoli in palla e ben messo in campo.

Id Article:10847 date 12 Marzo 2006

Roma,

La Roma ci arriva vicino ma alla fine non ce la fa a rimontare le tre reti che l'Ascoli ha realizzato nel primo tempo, arrivando solo a sfiorare il pareggio. Dopo 13 risultati utili arriva una sconfitta frutto del buon momento della squadra marchigiana e dei problemi della squadra di Spalletti che, con la rosa ridotto all'osso, continua ormai da tempo a giocare senza attaccanti di ruolo e dovendo continuamente fare di necessità virtù.

 Tempo da lupi al Del Duca, con freddo, vento e pioggia che comunque non hanno condizionato più di tanto il terreno di gioco che ha mantenuto per tutti i novanta minuti una buona condizione. Nella Roma confermato il solito 4-2-3-1, rispetto alla gara di coppa Uefa, rientravano in formazione De Rossi e Aquilani mentre per via dell'infortunio di Doni veniva confermato Curci tra i pali. Nell'Ascoli con Fini e Foggia a giostrare sulle fasce venivano schierati Budan e Quagliarella in avanti.

Partita subito a grande ritmo con l'Ascoli molto reattivo e con la Roma a subire le folate bianconere. Al 21' palla persa malamente a centrocampo e azione in contropiede degli ascolani che con Quagliarella passavano in vantaggio. Quattro minuti dopo, con i giallorossi ancora in bambola, punizione di Foggia calciata in area, nel mucchio il più lesto a svettare di testa era Paci che realizzava il 2 a 0. Roma in avanti in modo disordinato e poco produttivo, Ascoli sul velluto e prima dello scadere arrivava addirittura il 3 a 0 ad opera di Budan su assist di Quagliarella, imprendibile nel primo tempo.

Nella ripresa scendeva in campo un'altra Roma,più attenta, ordinata e determinata che subito metteva alle corde i marchigiani riuscendo a rischiare pochissimo. Spalletti, prima mandava Mancini a fare il centravanti al posto di Taddei, poi inseriva Alvarez al posto di Tommasi e Bovo al posto di Cufrè e saranno proprio i due nuovi entrati che metteranno lo zampino nelle due reti romaniste. La prima segnatura romanista veniva realizzata da Taddei su assist al bacio di Alvarez e la seconda su autorete di Comotto propiziata da un colpo di testa di Bovo. Con circa 15 minuti ancora la giocare la Roma si riversava a pieno organico nella metà campo bianconera, mentre la squadra di Giampaolo e Silva difendeva strenuamente la rete del vantaggio. A cinque minuti dalla fine Mancini di testa sfiorava la rete del 3 a 3 ma il forcing finale subiva una prematura battuta di arresto quando Chivu, all' 87', veniva espulso da Bertini su segnalazione del guardalinee per fallo da ultimo uomo su Cariello, lanciato a rete, al limite dell'area.

Una sconfitta che allontana la Roma dal quarto posto visto che la Fiorentina, oltre ad essere avanti di un punto deve anche recuperare la gara con il Cagliari sospesa oggi per le violente raffiche di vento.

Mancano i risultati ma la Roma oggi è stata sfortunata, come con l'Inter e come in Inghilterra.

La squadra nonostante tutto sta reagendo bene e lo dimostra l'ottimo secondo tempo giocato oggi; questo lascia ben sperare per la volta finale di fine campionato e per un pronto rilancio degli uomini di Spalletti.    



Antonio Dir. Delle Site