Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Domenica 21 Aprile 2019, ore 23:08

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Taddei e Recoba in azione
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Beffa neroazzurra!

Roma-Inter 1-1 2005-2006 Serie A
Un inzuccata di Materazzi ad un minuto dalla fine regala un pari fortunoso all'Inter interrompendo il record di vittorie consecutive della Roma.

Id Article:10797 date 6 Marzo 2006

Roma,

Beffati all'89' da un colpo di testa di Materazzi. Una disattenzione pagata cara dalla Roma che vede interrompersi la sua striscia positiva di vittorie consecutive da un tiro della domenica finalizzato dal difensore interista lasciato colpevolmente libero di saltare in area e pareggiare la rete lampo di Taddei realizzata nel primo tempo: episodio dove peraltro il ruvido difensore neroazzurro non era esente da colpe, visto che era stato proprio lui che si era lasciato sfuggire Mancini all'8' e dal piede fatato del brasiliano era uscita fuori una palla d'oro per Taddei che aveva dovuto solo adagiare in rete.

E' vero che a questa Roma le cose sono andate bene negli ultimi tempi in termini di risultati ma è anche vero che la falcidia di infortuni e squalifiche non sembra arrestarsi. Oggi per esempio non erano utilizzabili per vari motivi tutti gli attaccanti della rosa e quindi a ricoprire il ruolo di punta ci pensava Amantino Mancini. Nell'Inter era Recoba il compagno di reparto di Cruz, mentre nella formazione titolare trovavano spazio dal primo minuto Pizarro, Kili Gonzales e l'ex Wome.

I problemi di formazione della Roma non venivano però sfruttati a dovere dall'Inter che invece appariva in evidente difficoltà tattica. Mancini metteva in campo una formazione che non solo combinava poco o nulla e che probabilmente non meritava di pervenire al pareggio ma che a tratti sembrava imbarazzante, con giocatori gettati in campo (Pizarro in primis) senza una logica apparente.  Ma come dice proprio un grande tifoso interista, Max Pezzali, questa volta la dura legge del goal ha penalizzato la Roma che ha avuto l'unico demerito di non esser riuscita a chiudere la gara in modo da evitare allo scadere la fatale distrazione che proprio sul filo di lana bloccherà la corsa della compagine di Spalletti al miglioramento del record. Eppure dopo la rete del vantaggio giallorosso l'Inter era riuscita a rendersi pericolosa solo nel finale del primo tempo con una conclusione da fuori area di Cambiasso.

Nella ripresa l'Inter cercava di assediare la Roma ma le occasioni per pareggiare degli interisti latitavano,mentre era la Roma in contropiede a sfiorare più volte la segnatura del raddoppio.

Ci si metteva pure  Doni con un paio di uscite a vuoto ma nemmeno questo serviva all'Inter per pareggiare. I cambi operati da Mancini non sortivano effetti; la perfetta macchina da guerra messa in piedi da Spalletti sembrava essere in grado di portare a casa i tre punti senza eccessivi patemi.

Purtroppo allo scadere arrivava la rete del pari.

Il meraviglioso pubblico romanista, che ad inizio ripresa ha esposto alcuni striscioni su cui si chiedeva la liberazione del piccolo Tommaso rapito qualche giorno addietro, ha comunque tributato il giusto riconoscimento ai ragazzi. Certo la Fiorentina vincendo allo scadere adesso ci precede di un punto ma sia il quarto che il terzo posto sono a portata di mano.

In fondo i record non riempiono le bacheche mentre già giovedì ci sarà una partita da vincere assolutamente con il  Middlesbrough per proseguire il cammino in coppa Uefa e questa volta anche il pareggio con reti può tornare molto utile.



Antonio Dir. Delle Site