Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Mercoledi 20 Marzo 2019, ore 22:26

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Esultanza romanista
(Premi per la FOTO Ingrandita)

La Roma entra nella storia del calcio.

Roma-Empoli 1-0 2005-2006 Serie A
Con 10 vittorie consecutive eguagliato il record di Juve, Milan e Bologna. Peccato che la festa venga rovinata dal brutto infortunio accorso a Totti.

Id Article:10646 date 19 Febbraio 2006

Roma,

La Roma entra nella storia del calcio italiano eguagliando un record che da cento e passa anni, ovvero da quando si gioca il campionato di calcio, hanno raggiunto solo la Juventus che aveva in rosa alcuni di quei giocatori che poi saranno  campioni del mondo con l'Italia guidata da Pozzo, il Milan del mitico Gre-No-Li e il Bologna che "tremare il mondo fa".

Nel primo assaggio di primavera con un Olimpico gremito come raramente accade per una partita contro una "piccola", una Roma non bella e forse stanca per le fatiche di coppa è riuscita comunque a non mancare l'appuntamento con la storia, capitalizzando al meglio la rete siglata da Perrotta al 15' del primo tempo.

E domenica prossima, in occasione del Derby con la Lazio c'è addirittura la possibilità che la Roma diventi l'unica squadra a vincere 11 partite consecutive, e questo siamo certi darà quel qualcosa in più ad una sfida che già si preannuncia molto calda e sentita.

Purtroppo un giorno che doveva essere di massimo tripudio è stato rovinato dal brutto infortunio accorso a capitan Totti; per lui si parla di frattura del perone con interessamento dei legamenti, che significa quasi sicuramente un lungo stop (tra i due e tre mesi).

Il fattaccio dopo poco più di dieci minuti di gioco: entrata da dietro di Vanigli, nemmeno eccessivamente violenta, su Totti che cadeva rovinosamente e pesantemente sulla caviglia (le immagini Tv sono decisamente più impressionanti di quanto non si sia visto dal vivo).

Eppure la squadra giallorossa era partita alla grande e aveva sfiorato il vantaggio con una bella conclusione di Perrotta ottimamente deviata in angolo dall'ex Cejas.

L'impatto psicologico di tale incidente sortiva un brutto effetto sulla Roma che faticava a riorganizzarsi e proprio nel momento più complicato ecco arrivare il regalo dei toscani: goffo intervento di Buscè che si tramutava in una conclusione insidiosa per il proprio portiere che riusciva ad evitare l'autorete ma che nulla poteva sul rapace intervento di Perrotta abile a trasformare la respinta di Cejas nel migliore degli assist e a realizzare la rete che vale il record.

L'Empoli subita la mazzata stentava a riorganizzarsi,riuscendo a presentarsi dalle parti di Doni solo al 43' ma l'estremo difensore brasiliano, oggi assai reattivo, non si faceva sorprendere; per contro era la Roma a cercare con convinzione, ma senza troppa fortuna, la rete del raddoppio. Nella ripresa i toscani entravano in campo con un altro spirito costringendo la difesa della Roma ma soprattutto il suo portiere ad esibirsi in uscite spettacolari e ad un volo plastico per deviare in angolo un velenoso pallonetto di Vannucchi, subentrato ad uno spento Almiron. Anche se la Roma sembrava controllare bene la situazione quasi tutti non potevano fare a meno di guardare spasmodicamente l'orologio per capire quanto mancasse al triplice fischio dell'Arbitro Messina. Anche se alla fine ad essere più pericolosa in avanti sarà proprio la squadra di Spalletti, sarà proprio la paura di subire una tremenda beffa che farà si che la conclusione della gara verrà salutata da tutto lo stadio con un boato liberatorio. Adesso occhi rivolti al ritorno di coppa di giovedì e al derby di domenica due appuntamenti che siamo certi la Roma vorrà onorare al meglio per poi dedicarli al suo capitano, che tutti ci auguriamo di rivedere in campo il più presto possibile.



Antonio Dir. Delle Site