Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Domenica 18 Agosto 2019, ore 01:19

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Dichiarazioni Post partita , SkSoggetto Dichiarante:L.Spalletti ,
,
a cura di Federico Formica
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 281 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 14 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Il mister della Roma Spalletti  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Spalletti ringrazia De Rossi

Siena-Roma 0-2 2005-2006 Serie A
 Ha tirato da casa sua e ci ha dato la vittoria

Id Article:10579 date 12 Febbraio 2006 Dichirazione di: Luciano Spalletti

Roma, E sono nove. Nove vittorie consecutive. Ma a Spalletti poco interessa: "Di record preferisco non parlare, mi piace commentare la mia squadra e il modo in cui gioca". E allora sotto con l'analisi della gara: "Abbiamo incontrato un Siena in forma straordinaria che ci ha messo sotto a lungo. Hanno creato parecchio sbagliando anche un rigore con Chiesa. La mia squadra però ha saputo soffrire e rimanere compatta fino a quando De Rossi non si è inventato quel gol".

Proprio a Daniele De Rossi il tecnico toscano dedica qualche parola in più. Un'attenzione che ha un grande valore, se si considera l'idiosincrasia di Spalletti per i commenti sui singoli giocatori: "De Rossi ha giocato un'ottima gara,come del resto sta facendo da tempo, buona parte di questa vittoria è merito suo. Ha tirato da casa sua, calciando di esterno collo in modo che il pallone girasse e diventasse imprendibile".
Il rigore per il Siena? Spalletti non si nasconde dietro un dito: "Dalla panchina mi sembrava che il fallo ci fosse. Ultimamente c'è molta confusione, anche negli arbitri, in questi episodi. Il problema è che in televisione si parla sempre di "contatto", come se questo fosse sinonimo di "impatto". Quando c'è impatto è giusto fischiare rigore, il contatto in sé può anche non essere falloso".

Federico Formica