Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Mercoledi 17 Luglio 2019, ore 08:32

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Mondo Giallorosso ,
,
a cura di Federico Formica
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 281 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 14 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Il "broncio" di Francesco Totti   
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Francesco Totti tra euforia e paura

"La Roma attuale gioca come quella dello Scudetto,ma io prendo tanti calci e non mi alleno mai".

Id Article:10509 date 6 Febbraio 2006

Roma, Francesco Totti a tutto campo, in tv così come sul terreno di gioco. Il capitano della Roma è preoccupato per l'escalation di falli che sta subendo. Più aumenta la pericolosità del numero 10, più aumenta il numero di botte ricevute dagli avversari. L'equazione è ben conosciuta da qualsiasi romanista.
Nessuna accusa in particolare, perché "nel mio sport i calci si ricevono e li accetto volentieri", il problema è un altro: "Sono preoccupato in vista del Mondiale., ma per le botte ormai le caviglie mi fanno sempre male e non riesco ad allenarmi. Il giorno dopo la partita devo fare fisioterapia, poi passo a fare una corsettina leggera e quindi si rigioca di nuovo. Insomma, non posso lavorare come dovrei".
Queste frasi, in continuità con ciò che venerdì aveva detto Spalletti: ("Dobbiamo tutelare Francesco, non solo a parole ma con fatti"), mettono a nudo una situazione preoccupante. Se nel dopo partita l'unico pensiero è quello di riassorbire le botte ricevute, ecco che non c'è mai tempo per allenarsi e mantenere la forma fisica necessaria per affrontare serie A e, più tardi, Mondiale.  Quando si parla della sua Roma a Totti si illumina il viso. In questo momento: "Forse è la migliore Roma in cui abbia mai giocato, o per lo meno al livello di quella dello scudetto", e il merito è tutto di quel toscanaccio d'allenatore: "Spalletti è tra gli allenatori che mi ha capito meglio,soprattutto a livello psicologico. Forse anche per questo sono maturato. L'ambiente si è ricompattato e i risultati sono arrivati".   Criticare Totti in questo momento è un'impresa davvero ardua. C'è riuscito Mino Raiola, procuratore del rissoso Ibrahimovic, sostenendo che Totti sia un fenomeno all'Olimpico e un giocatore normale in altri stadi. Il capitano palesa ben poco interesse verso questa polemica. Del resto si tratta di una tesi che potrebbe essere smentita solo citando un evento neanche tanto lontano nel tempo: "Il gol segnato all'Inter a San Siro è stata solo una delle prodezze che ho fatto, ma credo che le statistiche parlino chiaro e se questo signore si vedesse quel che ho fatto in tutti questi anni in trasferta si rimangerebbe tutto".
Troppo bella questa Roma per mettersi a guardare alla televisione il Real Madrid dell'ex amico Antonio Cassano. Al limite, molto più piacevole guardare le meraviglie di Ronaldinho: "Non seguo il Real Madrid, seguo solo il Barcellona" dice Totti con un pizzico di ironia. A chi gli chiede se questo gelo abbia provocato la fine della loro amicizia Totti risponde: "Il grande gelo è nato proprio in conseguenza della fine dell'amicizia".

Federico Formica