Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Giovedi 27 Giugno 2019, ore 02:53

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Mancini esulta dopo la rete
(Premi per la FOTO Ingrandita)

La Roma...ammazzasette!

Parma-Roma 0-3 2005-2006 Serie A
Settima vittoria consecutiva in campionato e Parma battuto per 0 a 3.

Id Article:10497 date 5 Febbraio 2006

Roma,

E sette...la Roma eguaglia il record della Roma di Fabio Capello raggiungendo la settima vittoria consecutiva in campionato con un perentorio 0-3 in casa del Parma; un risultato che forse punisce troppo severamente la squadra di Beretta che nonostante il passivo finale ha mostrato buoni sprazzi di gioco.

Ma contro una squadra in grande forma e con il morale alle stelle le accortezze tattiche non sono servite ad impedire la realizzazione del magico filotto. Una Roma che si basa sul talento infinito di capitan Totti e del ritrovato Mancini, egregiamente supportati da tutto un organico dove brillano per concretezza Mexes, De Rossi ma soprattutto uno strepitoso Perrotta, che così positivo non lo ricordiamo nemmeno nel periodo d'oro di Verona, sponda Chievo. Una Roma su cui Saplletti ha lavorato con grande profitto se si considera che stiamo parlando degli stessi uomini della scorsa stagione (quelli per capirci che hanno rischiato di retrocedere) più Taddei meno Cassano e Montella.

Per questa gara la Roma recuperava in extremis Totti, schierando quindi gli stessi effettivi che hanno eliminato dalla Coppa Italia la Juventus, con l'eccezione del portiere in quanto giocava Doni mentre Curci andava in panchina.

Per il Parma dentro Bresciano al posto di Bolano, spazio a Morfeo e Corradi in avanti, mentre Marchionni veniva arretrato nel suo raggio d'azione per tamponare a centrocampo.

Nel primo tempo la solita Roma degli ultimi tempi: propositiva, fluida nella manovra, sempre in pressing. Il Parma faticava a rendersi pericoloso ma riusciva a limitare i danni grazie anche agli ottimi servigi di Guardalben che, dopo nemmeno sei minuti, si superava deviando in angolo una spettacolare conclusione di tacco di Totti. La pressione dei giallorossi però non riesce a concretizzarsi e quindi dopo una mezzora di buon gioco ecco arrivare inevitabilmente un calo nell'intensità degli attacchi. Ne approfittava il Parma bravo a ricompattarsi e a chiudere bene i varchi e ripartire in contropiede. Al 41' grandissima giocata di Morfeo che con un gioco di prestigio metteva Bresciano davanti a Doni che si superava deviando la conclusione a botta sicura.

Nella ripresa il timore che la stanchezza si facesse sentire penalizzando l'incisività della squadra di Spalletti veniva immediatamente fugata dopo nemmeno 120 secondi quando una penetrazione di Perrotta metteva in condizione Totti di battere a rete per ben due volte (il primo tiro era respinto da un difensore e sulla ribattuta parava il portiere) al terzo tentativo irrompeva Mancine per il vantaggio romanista. La reazione del Parma arrivava con un palo colpito da Couto ma per il resto a creare sfaceli era la Roma deliziata dagli assist di Totti e dagli inserimenti devastanti di Mancini e Perrotta.

Nonostante l'attento Gurdalben riuscisse a salvare in almeno tre occasioni la porta dei gialloblu nulla poteva sui due spettacolari pallonetti,propiziati entrambi da Totti, al 72' di Mancini e al 77' di Perrotta che chiudevano definitivamente la partita.

Una Roma così bella non la si vedeva da tempo, l'unico dubbio è quanto potrà durare. La rosa è striminzita e i ricambi sono pochi e alla fine un pò di appannamento sarà inevitabile. Probabile che dal cilindro di mister Spalletti escono altri prodigi ma questo non deve essere un alibi per la società che la prossima estate ha il dovere di allestire una campagna acquisti degna di questo nome.   



Antonio Dir. Delle Site