Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Sabato 23 Marzo 2019, ore 16:09

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
girotondo giallorosso
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Girotondo giallorosso!

Roma-Juventus 0-1 2005-2006 Coppa Italia
Seppur sconfitta di misura, grazie al risultato dell'andata, la Roma va in semifinale di Coppa Italia eliminando la Juventus di Capello.

Id Article:10452 date 2 Febbraio 2006

Roma,

Con le unghie e con i denti, davanti ad oltre cinquantamila spettatorila, la Roma ha lottato e difeso il vantaggio maturato a Torino e nonostante la sconfitta di misura è riuscita a portare a casa una qualificazione che regala una gioia doppia ai suoi tifosi: la possibilità di giocarsi la semifinale con il Palermo ma soprattutto aver rimandato a casa la Juventus e Fabio Capello che per la prima volta, da ex, ha dovuto fare i salti mortali per mascherare tutto il suo disappunto per esser stato eliminato proprio dalla sua ex squadra (in conferenza stampa ha evitato elegantemente di rispondere alla domanda se la Roma aveva meritato più della Juve).

Purtroppo dici Juve e pensi all'arbitro che anche questa volta gli errori, certamente in buona fede, però li ha commessi quasi tutti a discapito dei giallorossi a cominciare dalla rete annullata a Totti, apparsa ai più regolare, alla eccessiva espulsione di Dacourt (mentre quella di Ibrahimovic c'era tutta), al metro di giudizio con cui venivano fischiati i falli a centrocampo o distribuite le ammonizioni, per non parlare del generoso rigore concesso proprio ad inizio ripresa ai bianconeri. La Roma però questa sera è stata brava, non solo a mantenere la giusta concentrazione ma anche a non cadere nelle provocazioni, controllando a dovere i bianconeri che comunque al di la del rigore e del palo colpito hanno combinato ben poco dalle parti di Curci.

Come detto alla vigilia da entrambi i tecnici questa sera sarebbe stata partita vera e così è stato perché nessuno voleva perdere ed entrambi volevano passare il turno, soprattutto alla luce del fatto che in semifinale invece dell'atteso Milan ci sarà un sicuramente più abbordabile Palermo.

Per la Juve, tutti convocati tranne Treseguet, si partiva con nell'undici titolare Ibrahimovic, Abbiati, Zebina e Nedved mentre Buffon, Emerson, Zambrotta e Del Piero partivano dalla panchina.

Nella Roma,recuperato in extremis Chivu, veniva schierato Dacourt a centrocampo preferito a Tommasi; poi per il resto tutto confermato con Totti e Mancini in campo dal primo minuto.

Primo tempo di marca romanista, giocato a mille dagli uomini di Spalletti che, al di la della rete annullata, sfioravano il vantaggio con Totti (punizione deviata magistralmente da Abbiati in angolo), De Rossi (colpo di testa fuori di un nulla), Cufrè (palombella di testa fuori di poco) e Mancini (bordata da fuori alta di poco). Notizie della Juve solo allo scadere con  un'inzuccata di Zalayeta  deviata in tuffo da Curci in corner.

Nella ripresa subito Juve più arrembante e al 48', su un azione degli avanti bianconeri, la palla crossata in area sbatteva sulla mano di Perrotta. Il sig. Dondarini optava per la volontarietà e concedeva il calcio di rigore che Mutu trasformava in rete. A questo punto però la compagine romanista, seppur in evidenze debito di ossigeno (praticamente a giocare da un mese a questa parte sono sempre gli stessi), riusciva a serrare le fila e a non subire più di tanto la continua pressione dei bianconeri. Anzi erano prima Perrotta e poi Totti a sfiorare la rete del pareggio. Capello a questo punto gettava nella mischia sia Del Piero che Emerson. Tutti gli sforzi per arrivare alla seconda rete, che avrebbe significato qualificazione quasi certa per la Juve, non andavano oltre il palo colpito quasi casualmente da Vieira a circa dieci minuti dal termine. Nei concitati minuti finali nervi a mille ma niente pericoli per la Roma, che al triplice fischio poteva festeggiare assieme a tutto lo stadio, sulle note dell'inno di Venditti "Grazie Roma", con un allegro girotondo la qualificazione ottenuta. A salutare l'uscita di scena dei bianconeri uno striscione esposto solo dopo il triplice fischio di Dondarini che riprendendo le dichiarazioni del tecnico friulano prima della partita recitava così: " Capè...se semo divertiti!!"

Lui sicuramente meno...



Antonio Dir. Delle Site