Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Lunedi 22 Luglio 2019, ore 03:53

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Mondo Giallorosso ,
,
a cura di Francesco Conti
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 286 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 3 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Perrotta in azione
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Perrotta: "Spalletti ha ricompattato il gruppo"

Il centrocampista giallorosso spiega al Tg5 i motivi del momento positivo della Roma e guarda al futuro sognando il Mondiale.

Id Article:10365 date 23 Gennaio 2006

Roma, E' senza dubbio uno degli uomini più in forma della Roma, riscoperto da Spalletti in un ruolo diverso dal solito, ovvero centrocampista offensivo dietro ad un'unica punta, praticamente nelle vesti di trequartista, seppur atipico. Siamo parlando di Simone Perrotta, uno che fino allo scorso anno era abituato a sentire i fischi del pubblico che lo criticava, e che ora si sta togliendo tante soddisfazioni e sta ricevendo i giusti e meritati elogi e applausi, sia dai tifosi sia dagli addetti ai lavori.

Proprio della sua scorsa stagione tormentata è tornato a parlare Perrotta spiegando come e perchè le cose sono cambiate quest'anno: "Avevo molti rimpianti per lo scorso anno - ha dichiarato al Tg5 - ma anche un'incredibile voglia di rifarmi, certo abbiamo perso punti all'inizio, ma bisogna considerare che nella prima parte della stagione c'erano gli strascichi di quella passata e bisognava adattarsi al nuovo tecnico."

A proposito di Spalletti, che sembra aver trasmesso la giusta serenità all'ambiente, Perrotta confida: "Il segreto di Spalletti? Trasmetterci tranquillità e consapevolezza nei nostri mezzi. E' un allenatore - aggiunge il centrocampista - che cura ogni particolare e ogni dettaglio, cosa che nella scorsa stagione non è stata possibile. Mister Spalletti è stato molto bravo a ricompattare un gruppo che era tutt'altro che unito."

Perrotta va poi controcorrente rispetto a quanti affermano che la soluzione di tutti i problemi della Roma sia stata la cessione di Cassano ma rivela come sia stato importante la sfuriata di Franco Sensi dopo la sconfitta col Palermo: "Non è vero che adesso vinciamo perché non c'è più Cassano,anche con lui abbiamo ottenuto buoni risultati. Il momento decisivo è stata la sconfitta con il Palermo e la sfuriata successiva del presidente. E' riuscito a darci la scossa giusta".

Ora la Roma sembra tornata a rincorrere in maniera efficace e convinta il quarto posto: "Finalmente le 5 vittorie consecutive ci hanno ridato ulteriore fiducia e comunque rispecchiano il valore della Roma, non dimentichiamoci che abbiamo giocatori di livello assoluto e tanti nazionali".

Capitolo Nazionale appunto, i Mondiali si avvicinano e Perrotta ammette di farci un pensierino: "A me basta sapere che Lippi osserva tutti i giocatori. Prima della sua gestione ho collezionato 22 partite da titolare in azzurro. Mi sento all'altezza di una convocazione per Germania 2006 e spero di esserci".

Se continua così, un posto in azzurro lo meriterebbe sicuramente.


Francesco Conti