Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Lunedi 22 Luglio 2019, ore 01:13

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Punto Giallorosso ,

a cura di Jacopo Lualdi

Se il buongiorno si vede dal mattino...

Inizio e fine con il botto per il giallorossi che risalgono pian piano la china battendo anche il Milan.

Id Article:10282 date 17 Gennaio 2006

Milano,

Dopo l'addio di Antonio Cassano sembra davvero che l'aria a Trigoria sia più serena, e lo dimostrano i risultati: l'ultimo parla da solo, un 1 a 0 contro il temibilissimo Milan di Shevchenko e Kakà, piegato da una squadra decimata si dagli infortuni, ma più che mai compatta, come non si vedeva da tempo. A nostro parere la Roma ha espresso persino un bel gioco, mettendo più volte, soprattutto nel secondo tempo, il Milan in difficoltà. E' dunque solo l'addio di Cassano la ricetta? Sarebbe bello, perché vorrebbe dire che i problemi sono tutti risolti...In realtà la Roma sta facendo vedere sul campo delle cose positive, il che dimostra che i giocatori hanno più fiducia nei propri mezzi.

Dunque la Roma arriva al giro di boa con trenta punti tondi tondi,e si è avvicinata al quarto posto, che oggi non è più un miraggio: davanti le squadre avversarie stanno facendo bene, Livorno e Fiorentina su tutte, ma i nomi non fanno grande paura... Se allora il buongiorno si vede dal mattino, la Roma si è svegliata in questo 2006 con il piede giusto, e c'è da sperare in qualcosa di positivo per i prossimi mesi, a partire dalla Coppa UEFA.

Si riprenda già domani all'Olimpico con la Reggina, che all'andata ci ha aperto la strada per un facile 3 a 0: alla Roma oggi mancano giocatori come Montella, Kuffour, Nonda, forse in questa rosa titolari inamovibili, ma sono letteralmente resuscitati altri come Perrotta e Mexes, autori anche domenica sera di una prestazione più che dignitosa. Toccherà ora a Spalletti guidare un gruppo che si è, a quanto pare, ristabilito, nello spogliatoio e in campo.



Jacopo Lualdi