Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Mercoledi 17 Luglio 2019, ore 09:34

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Dichiarazioni Post partita , SkSoggetto Dichiarante:C.Ancelotti ,
,
a cura di Federico Formica
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 281 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 14 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Ancelotti, allenatore del Milan
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Ancelotti:  I loro inserimenti ci hanno fatto male

Roma-Milan 1-0 2005-2006 Serie A
 Non siamo compatti, così è dura andare avanti

Id Article:10259 date 16 Gennaio 2006 Dichirazione di: Carlo Ancelotti

Roma, Carlo Ancelotti è critico nei confronti dei suoi, ma analizza la partita con molta freddezza senza far intendere che questo Milan non creda più, ormai, allo scudetto: "Siamo andati ad intermittenza e nel primo tempo avevamo supremazia ma abbiamo sbagliato troppi passaggi. Poi è uscita la Roma, con i loro fraseggi ed inserimenti da dietro: non avevamo punti di riferimento e ci hanno fatto male. Abbiamo cercato di pressare alto e non c'era compattezza: gli attaccanti erano là davanti e la difesa restava bassa, i centrocampisti avevano troppo campo da coprire. Per quanto riguarda l'attacco - continua il tecnico emiliano- dovevamo svariare un po' sulle fasce. Nel primo tempo l'abbiamo fatto qualche volta,nel secondo troppo poco. Nel secondo tempo ci siamo rimessi a rombo per tenere d'occhio Perrotta. Ma quando giochiamo così, abbiamo inevitabilmente bisogno della spinta dei terzini. Può darsi che loro fossero più tonici. Nel finale hanno sfruttato bene Totti che giocava da boa, noi dovevamo seguire meglio gli inserimenti da dietro. Ci sono state buone prestazioni di singoli, ma non di squadra". Infine la domanda inevitabile: con 12 punti dalla Juve lo scudetto è ormai volato via? "Può darsi che avesse ragione Berlusconi, questa sconfitta complica un po' le cose, ma la strada è ancora lunga".

Federico Formica