Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Martedi 22 Gennaio 2019, ore 23:54

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 1747 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 13 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato

Id Article:1009 date 27 Aprile 2003

Roma, In attesa di conoscere le date della doppia finale di Coppa Italia, il calendario propone un succulento anticipo della sfida che sarà, appunto Roma-Milan !

Per la Roma nonostante il cauto ottimismo della settimana, restano indisponibili tutti i giocatori di fascia: Delvecchio, Cafù, Candelà e Fuser. Capello, costretto a fare di necessità virtù, opta per una soluzione imprevedibile alla vigilia, Gigi Sartor in campo dal primo minuto, e la scelta si rileverà poi assai efficace.

Per il Milan invece, dopo l'esaltante qualificazione alla semifinale di Champions League, formazione obbligata viste le assenze sicure di Seedorf, Pirlo, Gattuso, Rivaldo e Serginho e con Inzaghi non al meglio per una botta ricevuta.

La partita entra subito nel vivo con la Roma al tiro due volte con Dacourt e Totti nei primi 5 minuti di gioco.
E' poi Shevchenko a seminare scompiglio nella retroguardia romanista per ben due volte, ma l'occasione migliore capita a Montella al quarto d'ora quando, entrato in area e saltato un difensore, solo davanti a Dida angolava troppo il tiro spedendo fuori.
Verso la fine ancora Shevchenko e Totti in evidenza ma anche Sartor, Lima, Maldini e Nesta davano prova delle loro qualità tecniche.

Ad inizio ripresa occasione clamorosissima per la Roma: Tommasi lanciato verso la porta avversaria vinceva un rimpallo, saltava difensore e portiere e, una volta entrato in area dal vertice destro, lasciava partire un tiro potente sul quale Nesta compiva un autentico miracolo in acrobazia salvando la porta ormai vuota.
Sempre Nesta, esaltato dalla prodezza e dai costanti fischi del pubblico, si esibiva in un entrata vigorosa su Totti che nel giro di qualche minuto avrebbe comportato la sua sostituzione in luogo di Cassano per infortunio.
Mai cambio si sarebbe rivelato più azzeccato,perchè nemmeno 5 minuti dopo la Roma passava in vantaggio proprio grazie a Cassano: percussione di Emerson con tiro rimpallato sui piedi di montella, il quale colpendo male serviva Cassano, che solo soletto appoggiava in rete a porta vuota. A questo punto il Milan accusava il colpo e in campo si vedeva per almeno 20 minuti solo una squadra. Tale supremazia si concretizzava al trentesimo con la rete di Tommasi di testa servito magistralmente da un cross di Lima, autore di una spettacolare percussione sulla fascia sinistra. A questo punto la Roma cercava di addormentare la partita lasciando qualche spazio di troppo ai rossoneri che grazie a Tomasson, abile a mettere dentro una palla vagante in area, riusciva ad accorciare le distanze. Prima del fischio finale spettacolare azione di Rui Costa, che dopo aver seminato mezza squadra, concludeva in porta ma si vedeva parare la conclusione da un superbo intervento di Pelizzoli; poi, assistevamo anche ad un tiro di poco alto sulla traversa di Lima, autore forse della sua migliore prova stagionale.

In conferenza stampa Capello ironizzava sul fatto che oggi la Roma è definitivamente salva e che adesso si punta tutto sulla doppia finale di Coppa Italia. Ancellotti invece non faceva mistero del fatto che ormai l'obiettivo del Milan in campionato è il secondo posto e che sicuramente nel finale si era fatta sentire la stanchezza della gara di mercoledì con L'Ajax. E se questo fosse stato il punteggio finale della partita di andata di Coppa Italia? A tale quesito il mister dei rossoneri rispondeva che da come erano andate le cose in campo sicuramente sarebbe stato un risultato positivo......e questo la dice lunga!



Antonio Dir. Delle Site