Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Domenica 20 Gennaio 2019, ore 20:08

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Calcio , SkSoggetto:Roma , Tipo Articolo:Voce del Direttore ,
,
a cura di Antonio Dir. Delle Site
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 634 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Totti esulta dopo la rete   
(Premi per la FOTO Ingrandita)

La Roma in versione Babbo Natale.

Roma-Chievo 4-0 2005-2006 Serie A
Con un perentorio 4 a 0 al Chievo la Roma nell'ultima gara del 2005 regala ai suoi tifosi un bel successo e un Natale felice.

Id Article:10071 date 22 Dicembre 2005

Roma,

"Almeno le vacanze di Natale le abbiamo salvate". Questo probabilmente il pensiero di giocatori e tifosi della Roma al termine della roboante vittoria per 4 a 0 contro il Chievo.

Lo scorso anno, ultima di campionato, la sfida si era giocata con un clima torrido e ne era venuto fuori uno squallido 0 a 0 che significava salvezza per i clivensi e la fine di una stagione da dimenticare per la Roma.

Oggi invece è stata partita vera e alla fine a spuntarla è stata la Roma che ha saputo sfruttare al meglio soprattutto alcuni episodi da moviola.

Spalletti per convocare 18 elementi era costretto a saccheggiare la rosa della primavera dovendo fare a meno di Montella, Mancini, Cassano, Nonda e avendo Dacourt, Kuffour e Cufrè in condizioni non ottimali. In campo scendeva con un 4-2-3-1 con Panucci recuperato in extremis e alle spalle di Totti, unica punta, l'ex Perrotta e Tommasi che, da ex giocatore del Verona, ogni volta che incontra il Chievo sente aria di derby.

I veneti si schierava con un classico 4-4-2 con Tirobocchi e Pellissier in attacco e il gioiello Obinna in panchina. Pillon posizionava i suoi uomini molto bene in campo e il pressing alto metteva in una certa difficoltà i giallorossi. Non a caso le azioni da rete nei primi venti minuti erano solo di marca gialloblu  inclusi due scellerati retropassaggi di Chivu e Panucci sventati dall'ottimo Doni non senza qualche apprensione di troppo. Al 21'Semioli da destra crossava al centro per Pellissier che devia fuori il pallone, un minuto dopo grande parata di Doni su tiro di Pellissier. Ci riprova Tirobocchi dopo tre minuti con un destro incrociato ma Doni parava in tuffo.

La Roma lentamente riusciva a prendere le distanze e affacciarsi nell'area avversaria fino all'episodio del 32': calcio di rigore assegnato tra le proteste della squadra ospite dall'arbitro Tombolini per una uscita a valanga di Squizzi che travolgeva Tommasi; Totti dal dischetto non falliva la rete dell'1 a 0.

Il Chievo accusava il colpo e sette minuti dopo ecco arrivare il raddoppio sempre ad opera di Totti,che dopo aver portato a spasso mezza difesa avversaria, lasciava partire un angolatissimo tiro da fuori che si insaccava sul palo alla sinistra del portiere Squizzi.

Nella ripresa subito i clivensi in attacco e pericolossissimi con Tiribocchi che al 52' sfiorava la segnatura di testa.  La svolta un minuto dopo quando, per una gomitata a Taddei, il difensore e capitano dei veneti D'Anna rimediava il secondo giallo e veniva espulso. Pillon cercava di ridisegnare la squadra inserendo l'ex Scurto e Amauri ma al 65', arrivava la rete del 3 a 0 ad opera di Perrotta che già in precedenza aveva sfiorato la segnatura in almeno due occasioni.

Sul tre a zero la partita era virtualmente chiusa ma prima del triplice fischio finale c'era il tempo per il 4 a 0 messo a segno da Taddei.

Per il Chievo una sconfitta che non pregiudica nulla di quanto di buono è stato fatto prima ad ora, per la Roma, in attesa che passi l'emergenza infermeria, un risultato di prestigio che fa morale e, almeno per la sosta natalizia, dovrebbe placare le polemiche che hanno accompagnato la compagine di Spalletti in questi ultimi tempi.

Ripresa il prossimo anno con la trasferta di Treviso: speriamo che la sosta sia usata con sapienza per riprendere un discorso di continuità nei risultati fino ad ora troppe volte disatteso.  

 



Antonio Dir. Delle Site