Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Mercoledi 21 Agosto 2019, ore 19:56

, Home Page (Sommario) Manda un email all'autore , Elenco Skede Soggetti per , Tipo Skeda Soggetto:Vecchie Glorie ,

a cura di Tonino Bernardi

Logo Skeda Soggetto

Vecchie Glorie : Best George


Data di Compilazione: 1 Febbraio 2007
Data di Nascita: 22 Maggio 1946 Nazione: Irlanda del nord
Ruolo: Attaccante

Sito Internet: http://www.georgebest.com

Soprannome : "Quinto Beatle"

Nascita Luogo : Belfast

Nascita Varie : Nato in Irlanda del Nord, impazzisce per il calcio fin da bambino, ma la sua esile corporatura lo penalizza agli occhi di molti, che non vedono in lui il talento naturale che poi si rivelerà. George viene però notato a 15 anni dagli osservatori del Manchester United e dopo un primo ritorno in patria, entra a far parte di quella squadra che, sotto la guida del manager Matt Busby e grazie anche al talento di altri campioni, come Bobby Charlton e Denis Law, trionferà in Europa. Nel 1968 Best vince Coppa dei Campioni e Pallone d'oro, ma questo sarà il culmine della sua carriera e l'inizio della sua parabola discendente, dovuta principalmente alla dipendenza dall'alcool e alla passione per la cosiddetta bella vita, ma anche alla scarsa disciplina (mancava regolarmente agli allenamenti) ed ai contrasti con il nuovo manager dei diavoli rossi, Tommy Docherty. A soli ventotto anni, nel gennaio 1974, lascia lo United ed il calcio vero e proprio, approdando nel "soccer" nordamericano, per passare anche per quello scozzese. Terminata la carriera calcistica, Best è stato trovato alla guida in stato di ubriachezza e con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale è stato quattro mesi in prigione. Nel 2002 all’età di 56 anni, ha subì un trapianto poiché l’alcol aveva ridotto le funzioni del suo fegato al 20%, ma non smise di bere, anzi sempre più spesso lo si poteva incontrare nel suo pub di Petersfield, Hampshire. Il 3 ottobre 2005 venne ricoverato in terapia intensiva in una clinica privata londinese, per gravi problemi respiratori e il 20 novembre, il tabloid inglese News of the World pubblicò, su sua esplicita richiesta, una foto che lo ritraeva nel suo letto di ospedale, con quella che sarebbero state le sue ultime parole pubbliche: "Don't die like me", ovvero "Non morite come me". Quasi in concomitanza con l'abolizione del limite di orario per i pub in tutto il regno, il grande numero 7 invitava i giovani inglesi a non permettere che l'alcool portasse via la loro vita, com'era capitato a lui. Al Cromwell Hospital di Londra il 25 novembre 2005, dopo settimane di agonia e anni di alcolismo e talento ad esso immolato, un'infezione epatica chiuse definitivamente gli occhi a George Best, il migliore.

Il suo rapporto con la Nazionale : Ovviamente è lui il giocatore più forte della storia calcistica nordirlandese, ma non è mai riuscito a portare la sua nazionale alla fase finale di mondiali o europei, soprattutto a causa della scarsa lonegività della sua carriera ad altissimi livelli (collezionò infatti solo una trentina di presenze)

Altezza : 172

Peso (in Kg) : 65

Caratteristiche Tecniche : Goerge Best in campo era uno straordinario prim'attore, un assoluto domatore della folla che pareva in grado di vincere le partite da solo. Con i suoi dribbling funambolici irrideva gli avversari, il suo tiro era secco e micidiale con entrambi i piedi, non si tirava indietro nei tackle e nonostante fosse apparentemente gracile, era incredibilmente potente e possente negli stacchi di testa. In quegli anni, probabilmente solo Pelè gli fu superiore, anche se proprio quest'ultimo nel 1966 dichiarò "George Best è il più grande giocatore del Mondo". Di lui Jimmy Greaves disse "una partita di George Best é l'equivalente di dieci anni di un mediocre giocatore".

Rassomiglia : In Italia fu Gigi Meroni ad essere accostato al grande Best, ma più per lo stile di vita e la sfortunata fine. La sua abilità nel dribbling non ha forse pari nella storia del calcio e forse solo Garrincha e Maradona si avvicinano. Oggi, un giocatore che gli somiglia potrebbe essere Zlatan Ibrahimovic, giocatore molto diverso come struttura fisica e posizione, ma che ne ricorda molto il gusto per la giocata ad effetto che stupisce il pubblico e irride il difensore.

Aneddoto : Come il campione italiano Gigi Meroni, Best amava stupire: una volta, in aeroporto, al ritorno da una partita, si presentò indossando un sombrero, mentre le fan lo acclamavano in visibilio: da questo episodio nascerà la fama di Best come icona anticonformista per i giovani e verrà soprannominato il "quinto Beatle", anche se molti lo ritengono più una versione calcistica di Jim Morrison. Un autorevole giornalista sportivo inglese scrisse di lui: "Ci sono due modi per ricordare George Best: il primo vi causerà rabbia, rimorso e dolore per non aver visto questo immenso giocatore esprimere tutto il suo formidabile ed inarrivabile talento; la seconda vi porterà un'incredibile stato di estasi per aver avuto la privilegiata opportunità di ammirare uno dei più grandi artisti sportivi mai apparsi sul pianeta".

Personalita' : George Best è stato uno dei più grandi calciatori di sempre. Purtroppo, sono in molti a credere che sarebbe potuto essere ancora più grande se non avesse scelto l'eccesso come sua filosofia di vita. La sua storia è stata oggetto di un film "The Best - Il migliore", diretto da McGuckian in cui la sua parte è interpretata da John Linch, oltre che di numerosissime libri, tra cui la sua autobiografia "The Best", edita in Italia dalla Baldini Castoldi Dalai, nella quale Best decise di rimuovere ogni pudore e trascinare il lettore nei gorghi della sua vita "spericolata", tra il fascino della swingin' London degli anni Sessanta e la cruda realtà nordirlandese, tra pub e tribunali, fino alla bancarotta, la prigione e l'inferno della cirrosi epatica.

Le sue Dichiarazioni piu' Famose : La sua frase celebre "Ho speso metà dei miei soldi per donne, auto e alcool, il resto l'ho sprecato..." dà una perfetta idea del personaggio, idolo in un periodo particolare come è stato l'ultimo scorcio degli anni '60.

AlboOro : Col Manchester United vinse la Coppa dei Campioni nel 1968 (e fu decisivo nella finale vinta 4-1 contro il temibile Benfica di Eusebio) e il titolo inglese nel 1965 e nel 1968 (con 135 gol complessivi in Premier League), oltre ad una FA Cup nel 1963. Proprio in un agara di FA Cup segnòaddirittura 6 gol contro il Northampton, nel febbraio 1970. Fu Pallone d'oro nel 1968.

NazionalePres : 37

NazionaleGol : 9

Oggi : Alla memoria di George Best è intitolato l'aereoporto di Belfast e sempre nella capitale nordirlandese sarà eretta una statua in suo onore davanti al municipio (e forse una al cimitero); il primo anniversario della sua scomparsa sarà commemorato con l'emissione di un milione di banconote da 5£ con la sua effigie stampata.