Comandi

Immagine logo sito
Issue793 del 07/07/2018 Year: 2018 ID: 2 Mercoledi 21 Agosto 2019, ore 19:57

, Home Page (Sommario) Manda un email all'autore , Elenco Skede Soggetti per , Tipo Skeda Soggetto:Vecchie Glorie ,

a cura di Maximleo

Logo Skeda Soggetto

Vecchie Glorie : Losi Giacomo

Data di Nascita: 9 Ottobre 1935 Luogo: Soncino Nazione: Italia
Ruolo: Difensore

Soprannome : Core de Roma

Nascita Luogo : Soncino (Cremona)

Nascita Varie : Calcisticamente Losi è cresciuto nel Soncino. E' passato alla Cremonese nel 1951-1952.

Esordio in Nazionale : Esordio in nazionale B l' 11 novembre 1956 contro la Francia vittoriosa a Marsiglia. Esordio nella nazionale maggiore il 13 marzo 1960 Spagna-Italia 3-1 a Barcellona. Nel 1957 vinse il titolo mondiale con la Nazionale Militare.

Il suo rapporto con la Nazionale : Le presenze in nazionale maggiore, furono solamente 11. Non ha mai legato molto in ambiente della Nazionale, in quanto in quei anni era molto importante giocare nelle squadre più titolate del Nord (Milan, Juventus, Inter). La Roma, purtroppo, in quegli anni non rientrava nell'elite del calcio italiano.

Altezza : 1,68

Peso (in Kg) : 72

Caratteristiche Tecniche : Inizia la carriera come terzino destro. Grande agilità fisica, riusciva ad ovviare alla sua statura non elevata con un gran senso dell'anticipo. Le entrate in scivolata e gli anticipi di testa in tuffo erano la sue peculiarità. Poi, con gli anni divenne un grandissimo stopper in mezzo alla difesa giallorossa.

Rassomiglia : Giocatore duro, arcigno, praticamente insuperabile di testa, due gambe dure come tronchi di alberi ed un cuore alla Fausto Coppi. Se dovessimo paragonarlo ad un giocatore della Roma attuale il primo nome che viene in mente è Walter Samuel.

Colpo di Testa (voto) : 8

Colpo di Testa (commento) : Giocatore dotato di un ottimo tempismo nell'anticipo dell'avversario proprio di testa sua grande specialità.

Senso Tattico (voto) : 7

Senso Tattico (commento) : Come giocatore era un portento fisico,un fascio di muscoli che nonostante l'altezza non proprio eccelsa, gli permetteva di essere in possesso di una notevole capacità aerea e di vantare un anticipo sull'uomo anche se appariva scomposto e disarmonico. Il tutto, corredato da una correttezza esemplare e dal rispetto per l'avversario.

Intesa con i compagni di squadra (commento) : Giocò in una Roma con moltissimi campioni uno su tutti Dino Da Costa ed il brasiliano Ghiggia.

Tecnica (voto) : 7

Tecnica (commento) : Ha ricoperto tutti i ruoli difensivi: terzino sinistro, destro, stopper e difensore centrale.

Aneddoto : Si parla sempre di attaccamento alla maglia, di bandiere e di fedeltà. Egli, rappresenta nella storia dell'A.s. Roma tutto questo. Il suo soprannome "Core de Roma" gli è stato dato alla partita Roma-Sampdoria dell' 8 gennaio del 1961, nella quale Losi si era infortunato e dal momento che non era possibile sostituirlo, si era spostato nel ruolo di ala destra. Dopo il pareggio di Manfredini la partita era sul 2 a 2, ma al momento di un calcio d'angolo in favore della Roma,accadde l'impensabile: Losi infortunato, saltò di testa nel mezzo dell'area di rigore e segnò il gol della vittoria, conquistando forse l'alloro più importante della sua vita, ovvero il rispetto e l'affetto dei tifosi giallorossi.

Personalita' : Non era un giocatore dalla statura elevata. Losi, aveva un'andatura un po' ciondolante. In campo era un vero leader, persona molto seria. Il carattere fuori dal campo era di una timidezza estrema, un tipo dedito al silenzio e al lavoro.

Arrivo a vestire la nostra maglia nel : 1954/1955

Come e' arrivato alla Roma ? : Giocare nella Roma per il forte difensore lombardo è stata una sorpresa. Losi era convinto di andare a giocare nell'Inter o nel Bologna. Poi, alla fine la spuntò la Roma dopo averlo accuratamente visionato con l'ex terzino del Testaccio Renato Bodini. La Roma acquistò Losi per 7 milioni delle vecchie lire. Arrivò a Roma con la paura della grande città. Lui, giocatore ancora non professionista (aveva appena giocato solamente 8 gare tra la serie A e B), ragazzo appena diciannovenne. La paga di Losi era 80.000 lire al mese più un ingaggio di 800.000 al mese. Debuttò in maglia giallorossa il 20 marzo 1955 in Roma-Inter 3-0 come terzino sinistro al posto di Eliani, quindi, disputò le ultime sette partite del campionato 54-55.

RomaTop : Recordman assoluto in fatto di presenze (15 stagioni e 386 presenze), Losi ha rappresentato per più di un decennio la spina dorsale fisica e morale della Roma a cavallo tra gli anni 50 e 60. I gol 2; le presenze da capitano giallorosso: 299.

RomaFlop : Il periodo più nero e buio della lunga militanza del difensore di Soncino fu proprio nell'ultima stagione 1968/1969. Era la Roma mediocre di Alvaro Marchini e di Helenio Herrera allenatore. L'ultimo anno fu vissuto ai margini della squadra, per ragioni che di tecnico avevano poco a che vedere; ai tifosi che chiedevano spiegazioni sulla sua assenza dal campo lui non sapeva rispondere con chiarezza, perché chiarezza non c'era in questa situazione. Il momento peggiore venne comunque a fine stagione, quando la Roma, su suggerimento dello stesso allenatore (Helenio Herrera), decise di liberarsi di Losi concedendogli il cartellino gratis, ma nessun dirigente ebbe il coraggio di avvertire il giocatore, il quale alla fine fu avvertito telefonicamente da un dipendente della società giallorossa.

RomaTopGara : La Roma perdeva in casa con la Sampdoria, sotto un diluvio universale, e proprio dopo aver acciuffato il pareggio, Giacomo, con una gamba seriamente infortunata, si portava in area all'ultimo minuto, pronto a segnare il gol della vittoria tra il tripudio generale. Era l' 8 gennaio 1961.

RomaFlopGara : Nella stagione 1955-1956, Losi fu protagonista di un rocambolesco finale di derby con la Lazio. A pochi minuti dal termine, con la Roma in vantaggio per 2-1, salvò sulla linea una conclusione di Selmosson; pochi istanti dopo però, sbagliò un rinvio e servì proprio Selmosson che pareggiò le sorti dell'incontro per 2-2.

RomaFineIl : 1968/1969

Termino' di giocare con noi : Il rapporto con la Roma s'interrompe nella stagione 1968-1969, collezionando solamente 8 presenze in campionato e 3 nella coppa Italia allora vinta dalla Roma.

AlboOro : Il grande Giacomino Losi ha vinto con la maglia giallorossa 1 coppa delle Fiere nel 1961 e 2 coppa Italia nel 1963/64 e 1968/69.

NazionalePres : 11

NazionaleGol : 0

Oggi : Ancora oggi all'età di 68 anni, vive a Roma e da qualche anno ha una scuola calcio giovanile sull'Aurelia (a nord di Roma). Il suo obiettivo è quello di scoprire nuovi talenti giovanili e di infondere il suo "credo" calcistico e serietà professionale ai ragazzi che iniziano a cimentarsi nel mondo del calcio. Il 29 gennaio 2003 è stato inaugurato un club dedicato a Giacomo Losi. Il club si chiama ROMA CLUB VILLAGGIO TOGNAZZI "GIACOMO LOSI".